Non è un paese per vecchi – Cormac McCarthy

Risultati immagini per non è un paese per vecchi libro

“Nel Texas degli anni ’80, Moss, giovane operaio a caccia di antilopi nei territori vicino al Messico, si imbatte in una scena del crimine: uomini uccisi da colpi d’arma da fuoco, un solo sopravvissuto e uno zaino pieno zeppo di soldi. Moss non ha dubbi su cosa fare: prende la borsa contenente i due milioni di dollari, fucile e munizioni e scappa a massima velocità verso casa. Il tempo è poco: prepara le valige e prende il primo bus per Odessa con la moglie Carla Jean, che resterà con la madre in un luogo nascosto. Moss inizia così a vagare per i vari motel del paese, sperando invano di poter seminare i criminali alla ricerca dei soldi perduti. Sulle tracce del ragazzo però, ci sono innumerevoli e spietati criminali messicani, tra cui Anton Chigurh, sadico e psicopatico serial killer privo di ogni tipo di pietà. Incaricato del caso è lo sceriffo Bell, che spera di trovare Moss in tempo per poterlo salvare dalla tragica fine a cui è destinato. lo sceriffo è infatti più preoccupato per la vita del giovane operaio che per il ritrovamento dei soldi. Inizia così un inseguimento senza tregua tra i tre coprotagonisti, a ritmo di sparatorie, minacce e un tragico e inaspettato finale”.

Non è un paese per vecchi” è un romanzo di genere western-thriller pubblicato nel 2005 da Einaudi. Il titolo è un verso di una poesia di William Butler Yeats intitolata Sailing to Byzantium e si chiama così perché critica le nuove generazioni, soprattutto quelle dei criminali, particolarmente violente e selvagge. Come sostiene lo sceriffo Bell infatti, nella modernità il mondo criminale ha subito una forte degenerazione morale, che ha portato a una diffusione della violenza in forma animalesca e ai limiti del credibile. In un mondo così duro e amorale, non c’è posto per i vecchi, quelli che non ne sono abituati e non si sanno adattare. Secondo McCarthy, siamo destinati al caos più totale, al buio: l’assenza di regole e di morale porterà all’estinzione del genere umano. Idea personale, ma parecchio drammatica e poco condivisibile da chi è giovane e crede nel futuro.

La scrittura di McCarthy è particolarmente secca, dura, cruda, esattamente come il mondo che descrive: la freddezza con cui vengono descritti i vari omicidi e le violenze rappresentano perfettamente l’indifferenza dei personaggi, abituati a vivere in un luogo così difficile. Nonostante questo racconto sia parecchio lontano dai miei gusti personali e nonostante abbia faticato a leggerlo a causa dell’eccessiva violenza e dello stile far west che poco apprezzo, una delle cose che più mi ha colpito sono stati i dialoghi. In particolare, ho trovato alcuni monologhi dei personaggi particolarmente interessanti e profondi, nonostante lo stile asciutto dello scrittore. Lo consiglio solamente a chi è attratto da questo tipo di storie e apprezza i racconti d’azione, ma lo sconsiglio a chi si sente obbligato perché altrimenti diventa una lettura eccessivamente pesante.

Chiara

Editore Einaudi – Pagine 254 – Formato cartaceo – Ebook

Annunci

4 pensieri su “Non è un paese per vecchi – Cormac McCarthy

  1. Grazie! Io non l’ho ancora letto, fa parte di un progetto che una scuola del territorio sta facendo ma ho visto che in tv trasmetteranno il film intanto guarderò quello e poi leggerò il libro 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...