L’imprevedibile viaggio di Harold Fry – Joyce Rachel

l'imprevedibile viaggio di harold fry“A volte ci vuole un milione di passi per ritrovare se stessi. A volte basta un incontro per trasformare una vita. Quando viene a sapere che una sua vecchia amica sta morendo in un paesino ai confini con la Scozia, Harold Fry, tranquillo pensionato inglese, esce di casa per spedirle una lettera. E invece, arrivato alla prima buca, spinto da un impulso improvviso, comincia a camminare. Forse perché ha con la sua amica un antico debito di riconoscenza, forse perché ultimamente la vita non è stata gentile con lui e sua moglie Maureen, Harold cammina e cammina, incurante della stanchezza e delle scarpe troppo leggere. Ha deciso: finché lui camminerà, la sua amica continuerà a vivere. Inizia così per Harold un imprevedibile viaggio dal sud al nord dell’Inghilterra, ma anche dentro se stesso: mille chilometri di cammino e di incontri con tante persone, che Harold illuminerà con la sua saggezza inconsapevole e la forza del suo ottimismo. Harold Fry è un eroe senza essere super, un tipo alla Forrest Gump, un uomo speciale capace di insegnarci a credere che tutto è possibile, se lo vogliamo davvero. Toccante, commovente, ma anche venato da un’irresistibile ironia, “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry” è un romanzo semplicemente indimenticabile: la più bella celebrazione dell’amicizia, dell’amore e dei sogni che vi capiterà di leggere per molto, molto tempo.”

Harold mi ha stupito subito, dopo pochi capitoli. Non è un personaggio prevedibile e neppure lineare. Si scopre poco a poco durante la sua impresa che lo porterà ad attraversare, a piedi, tutta l’Inghilterra. Dal sud al nord. Ogni capitolo è un pezzetto di vita svelata ed è così che, paesino per paesino, il lettore viene a conoscenza di chi è, per davvero, Harold Fry e il mondo che lo circonda.

L’imprevedibile viaggio di Harold Fry’ è un libro che ho apprezzato per la sua mancanza di banalità. Racconta di un viaggio fisico, reale, fatto di passi e scarpe rotte. Ma anche un viaggio interiore, che svuota e riempie nuovamente di emozioni e sentimenti nuovi il signor Harold che, ormai in età di pensione, compie un gesto memorabile. Per se stesso e per gli altri.

Lettura leggera molto consigliata che ci permette di accorgerci che la vita, anche dopo l’arrivo della pensione, può essere capovolta. Harold è stato forte e coraggioso. Harold è stato debole e spaventato. Harold ci dice che non bisogna mai smettere di dialogare, di ricominciare e soprattutto di credere.

Editore Sperling & Kupfer – Pagine 310 – Formato cartaceo – Ebook

Annunci

12 thoughts on “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry – Joyce Rachel

  1. Un libro meraviglioso, che mi ha colpito e commosso profondamente, ho letto anche il secondo libro dell’autrice bello e originale anche quello, ora ho prenotato il terzo in biblioteca 🙂

    Mi piace

  2. Libro originale che abbiamo letto alcuni mesi fa nel nostro club. Tanti importanti miracoli hanno luogo: l’amore ritrovato con la propria moglie, la scoperta dell’affetto e della generosità della gente, il superamento di un’immane tragedia famigliare. Molto drammatico il finale anche se con sfumature rosa.

    Mi piace

  3. Pingback: Il bizzarro incidente del tempo rubato – Rachel Joyce | Libri vagabondi

  4. Pingback: La canzone d’amore di Queenie Hennessy – Rachel Joyce | Libri vagabondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...